CHI SIAMO

Realizziamo serre nel territorio italiano e all’estero, adattando le nostre strutture alle condizioni climatiche del territorio d’istallazione.

coser italia

Seguiamo i nostri clienti dalla fase di progettazione al montaggio e garantiamo la piena disponibilità per eventuali personalizzazioni delle strutture.

LA NOSTRA
MISSIONE E'
IL VOSTRO

Successo

L'azienda Co.Ser.

si occupa di produzione di serre in ferro-plastica (sia copertura in film plastico che in materiale semirigido) le quali, grazie a un costo più modesto rispetto alle serre in ferro-vetro, hanno avuto un rapido sviluppo negli ultimi trent’anni.

Oltre alle serre per il settore ortofrutticolo,

è specializzata nella realizzazione di strutture per altri settori, come quello floricolo e vivaistico, nonché serre fotovoltaiche e magazzini.

I vantaggi della coltivazione in serra

01
02
03

Una scelta obbligata per gli agricoltori che vogliono essere competitivi

Le serre diventano una scelta quasi obbligata per gli agricoltori che vogliono essere competitivi nel mercato europeo, sia per rispettare le normative europee sempre più stringenti sull'uso di agrofarmaci, fertilizzanti e disinfettanti, sia per avere un maggiore ricavo vendendo prodotti extrastagionali.

Vantaggi ambientali della coltivazione in serra:

La possibilità di creare un ambiente climatico diverso da quello esterno e di controllare le condizioni di irrigazione e fertilizzazione; Un minor e più efficiente utilizzo di fitofarmaci e disinfettanti, sia perché l'agricoltore si trova a doversi occupare di un ambiente chiuso, sia perché la stessa serra attua una sorta di prevenzione tramite il controllo climatico e le reti anti-insetto.

Vantaggi economici della coltivazione in serra:

Come è stato dimostrato dall'esperienza degli agricoltori, le rese delle colture in serra sono fino a 2-3 volte superiori alle colture tradizionali su terra e sono di migliore qualità.

coser italia

La storia
aziendale

La Co.Ser. è stata fondata da Giuseppe Di Maio negli anni Ottanta, quasi per caso. Lui era un imprenditore agricolo e al tempo l’uso delle serre era molto limitato in Italia, sia per i costi molto alti delle strutture – che erano in ferro e vetro – sia perché mancavano proprio le conoscenze per le coltivazioni in ambiente protetto. Giuseppe aveva una predisposizione per la modernità, acquistò una serra da un’azienda francese e ne comprese subito le potenzialità. Decise di progettare una soluzione per sé stesso, più economica e maggiormente adatta alle condizioni climatiche del Sud Italia. Il risultato fu una serra a metà tra le strutture più elaborate usate al di là delle Alpi e i tunnel in ferro e plastica che avevano una costruzione molto semplice e che si stavano diffondendo in quel periodo in Italia.
Da lì in poi, gli agricoltori della zona, notando i risultati di produzione che Giuseppe riusciva a conseguire con le proprie serre, iniziarono a commissionargliele. Considerate le crescenti richieste, Giuseppe decise di abbandonare la produzione sotto serra per iniziare proprio quella delle serre, rendendola la sua attività principale. Purtroppo è venuto a mancare proprio quando l’azienda aveva acquistato una certa dimensione sia in termini di produzione sia di fatturato. L’attività è stata portata avanti dalla moglie Maria Cipro, che lo aveva sempre affiancato, in particolare per la gestione amministrativa e dallo storico staff aziendale.

CHI SIAMO

Realizziamo serre nel territorio italiano e all’estero, adattando le nostre strutture alle condizioni climatiche del territorio d’istallazione.

coser italia

Seguiamo i nostri clienti dalla fase di progettazione al montaggio e garantiamo la piena disponibilità per eventuali personalizzazioni delle strutture.

L'azienda Co.Ser.

si occupa di produzione di serre in ferro-plastica (sia copertura in film plastico che in materiale semirigido) le quali, grazie a un costo più modesto rispetto alle serre in ferro-vetro, hanno avuto un rapido sviluppo negli ultimi trent’anni.

Oltre alle serre per il settore ortofrutticolo,

è specializzata nella realizzazione di strutture per altri settori, come quello floricolo e vivaistico, nonché serre fotovoltaiche e magazzini.

I vantaggi della coltivazione in serra

01

Una scelta obbligata per gli agricoltori che vogliono essere competitivi

Le serre diventano una scelta quasi obbligata per gli agricoltori che vogliono essere competitivi nel mercato europeo, sia per rispettare le normative europee sempre più stringenti sull'uso di agrofarmaci, fertilizzanti e disinfettanti, sia per avere un maggiore ricavo vendendo prodotti extrastagionali.

02

Vantaggi ambientali della coltivazione in serra:

La possibilità di creare un ambiente climatico diverso da quello esterno e di controllare le condizioni di irrigazione e fertilizzazione; Un minor e più efficiente utilizzo di fitofarmaci e disinfettanti, sia perché l'agricoltore si trova a doversi occupare di un ambiente chiuso, sia perché la stessa serra attua una sorta di prevenzione tramite il controllo climatico e le reti anti-insetto.

03

Vantaggi economici della coltivazione in serra:

Come è stato dimostrato dall'esperienza degli agricoltori, le rese delle colture in serra sono fino a 2-3 volte superiori alle colture tradizionali su terra e sono di migliore qualità.

coser italia

La storia
aziendale

La Co.Ser. è stata fondata da Giuseppe Di Maio negli anni Ottanta, quasi per caso. Lui era un imprenditore agricolo e al tempo l’uso delle serre era molto limitato in Italia, sia per i costi molto alti delle strutture – che erano in ferro e vetro – sia perché mancavano proprio le conoscenze per le coltivazioni in ambiente protetto. Giuseppe aveva una predisposizione per la modernità, acquistò una serra da un’azienda francese e ne comprese subito le potenzialità. Decise di progettare una soluzione per sé stesso, più economica e maggiormente adatta alle condizioni climatiche del Sud Italia. Il risultato fu una serra a metà tra le strutture più elaborate usate al di là delle Alpi e i tunnel in ferro e plastica che avevano una costruzione molto semplice e che si stavano diffondendo in quel periodo in Italia.
Da lì in poi, gli agricoltori della zona, notando i risultati di produzione che Giuseppe riusciva a conseguire con le proprie serre, iniziarono a commissionargliele. Considerate le crescenti richieste, Giuseppe decise di abbandonare la produzione sotto serra per iniziare proprio quella delle serre, rendendola la sua attività principale. Purtroppo è venuto a mancare proprio quando l’azienda aveva acquistato una certa dimensione sia in termini di produzione sia di fatturato. L’attività è stata portata avanti dalla moglie Maria Cipro, che lo aveva sempre affiancato, in particolare per la gestione amministrativa e dallo storico staff aziendale.